Discorso del Presidente Internazione della SV - Renato Lima De Oliveira

Discorso alla Santa Messa del 20 maggio 2017

  •   26 Maggio 2017

Discorso alla Santa Messa-20 maggio 2017
Cappella San Tommaso D' Aquino - espcex - campinas (SP)
Cerimonia di riattivazione della conf ª San Tommaso D' Aquino

• Eminenza prete Anderson José Do Nascimento, cappellano,
• Egregio Colonnello Comandante della espcex, Marcus Alessandro Fernandes de araújo,
• Egregio Vicecomandante, Colonnello Oliveira ragazzo,
• Caro Confratello Giuseppe della Costa, presidente del Consiglio Metropolitano di Milano,
• Caro Confratello Giuseppe Armando Pino, presidente del consiglio centrale di Cusano
• Caro Confratello Marco Flavio Ribeiro e tutti i vincenziani che hanno collaborato attivamente alla riattivazione della conferenza San Tommaso D' Aquino,
• Rappresentanti del cp sacro cuore di Gesù,
• Presidenti di conferenze, lavori e consigli della ssvp,
• Alessandro Soares Guimarães, presidente della conferenza tra 1986-1988
• Cari parrocchiani e giovani,

Buongiorno a tutti,

È con immensa gioia che ho ricevuto l'invito del prete Anderson per portare questa santa messa, alcune brevi parole sul volontariato cattolico e sulla bellezza dell’azione intrapresa dai vincenziani del mondo.
La società di San Vincenzo De ' Paoli (ssvp) è stata fondata in Francia nel 1833, sette compagni (il beato Antonio Federico Ozanam, Emmanuel Bailly e altri) e nei 184 anni della nostra entità, è la prima volta che un vincenziano brasiliano occupa la posizione di presidente generale.
Sono figlio di questa cappella, perché nel 1986 qui mi hanno preso alla conferenza San Tommaso D' Aquino, 31 anni, quindi. Per questo, ringrazio Dio per essere venuto a studiare nella espcex e oggi essere quella funzione di servizio all'interno della nostra istituzione.
Dio mi ha chiamato qui, non per essere militare né generale, ma per essere il " Presidente generale della società di San Vincenzo De Paoli. Sono i disegni di Dio. E ho l'onore e l'orgoglio di dire che "io sono il primo presidente generale campineiro"!
Ho scelto come motto della nostra gestione nel consiglio generale internazionale, un brano biblico citato da Gesù nel Vangelo di Marco, capitolo 9, versetto 35: " chi vuole essere il primo, che sia l'ultimo di tutti e il Server di tutti ". è così che voglio servire al consiglio generale, con una leadership-serva e umile.
Cari amici, care amiche,
Siamo "Vincenziani" perché ci ispiriamo al carisma, all'eredità e nelle virtù del Santo patrono delle opere di beneficenza della Chiesa Cattolica: S. Vincenzo De Paoli. São Vicente è l'esempio di santità a essere seguito dai vincenziani, oggi. I nostri sette cofundadores e gli altri santi della famiglia vincenziana come santa Luisa De Marillac e Pietro Giorgio Frassati, anche ci ispirano!
Il Vincenziano non cerca alcun riconoscimento umano, solo di Dio. Ci impegniamo al massimo per svolgere misure a favore del superamento della povertà, dell'esclusione e della vulnerabilità sociale, permettendo che le azioni benemerite dell'entità possono essere utili per le persone cui assistiamo.
Il lavoro vincenziano è un servizio disinteressato, distaccato, non retribuito e volontario, realizzato da tutto il Brasile e nel mondo. Oggi, nel nostro paese (Brasile) i vincenziani sono fino a 180.000 persone, tra bambini, adolescenti, giovani, single, coppie e anziani, riuniti in 16.000 conferenze (che è il nome che diamo ai "gruppi di beneficenza parrocchiali"). Nel mondo Il contingente di vincenziani raggiunge 800.000 volontari in 151 Paesi.
Il numero di opere assistenziali tenuti dai vincenziani, solo in Brasile, arriva a 2.000 tra asili, case di riposo, ambulatori, scuole, centri sociali, ad esempio. Il numero di famiglie assistite supera la cifra di 500 mila! Siamo praticamente in tutti i comuni brasiliani! Sono dati impressionanti, che dimostrano l'elevato grado di solidarietà e di beneficenza dei nostri fratelli vincenziani (Confratelli e Consorelle).
Essere vincenziano è una benedizione di Dio.

E’ un vero dono di nostro Signore Gesù Cristo nelle nostre vite. Essere vincenziano è prima di tutto, fare felici le persone, perché quando si visita le famiglie bisognose, siamo diventati loro amici, e così possiamo sviluppare il nostro lavoro di promozione umana integrale negli aspetti materiale, morale e spirituale. E la carità, come ci ha insegnato oggi il prete Anderson durante l'omelia, è il "percorso di incontro con Cristo".
È molto gratificante poter aiutare le persone che soffrono a superare i vostri problemi più urgenti. Vuole gioia più grande di questa? Servizio nella speranza!
Il Vincenziano è una persona d'azione. È rimboccandoci le maniche che il vincenziano si mette al servizio delle persone bisognose, aiutando loro in qualsiasi cosa.
Ma, soprattutto, il vincenziano è una persona di preghiera. Esso primo alimenta lo spirito per poi agire nel campo della carità.
Il Vincenziano è quindi una persona con una forte base spirituale, sintonizzati con la missione della Chiesa Cattolica e con i valori del Vangelo. La pratica della carità è per noi, la porta d'entrata nei cieli. Pertanto i vincenziani cercano la santificazione personale tramite le azioni concrete di beneficenza. La santificazione è l'obiettivo principale di tutto .

Cari amici, care amiche,

Già finito, per non farli stancare, avere una conferenza vincenziana funzionante qui nella cappella San Tommaso D' Aquino, come in passato, è una benedizione di Dio, e consiste in una forma concreta per i cattolici, militari e civili, fare un gesto concreto di Beneficenza a favore dei fratelli che soffrono. "la fede senza le opere è morta", come sottolinea San Giacomo (2, 17).
Auguro successo ai parrocchiani che faranno parte della conferenza vincenziana, e che il lavoro che vi terranno per le famiglie bisognose soccorse sia " il sale della terra " e la " luce del mondo ", come ci ha insegnato nostro Signore Gesù Cristo. E chi lo sa, qui, in questa conferenza, in futuro, possa sorgere un altro "Presidente generale"?
E chiedo le vostre preghiere per il consiglio generale, dal consiglio nazionale del Brasile (che il giorno 3 Giugno sarà realizzando elezioni) e da tutti i vincenziani e assistiti del mondo! Sia lodato Gesù Cristo nostro Signore. Per sempre sia lodato.

Renato Lima De Oliveira -16° Presidente Generale dell'ssvp